Storia vespa

Il filettatore

k6c9170

Oggi ho assistito ad una cosa che non avevo mai visto:
ho conosciuto un filettatore, un signore di oltre 80 anni che, per una vita intera ha filettato, ma non con i filetti che pensate voi,
quelli conosciuti da tutti, M6 M8 o altre lavorazioni elicoidali meccaniche, che permettono l'avvitamento di un perno, bensì realizzando strisce,
linee dritte e curve, tratti o altro, come fossero semplici decorazioni.
Questo anziano, il cui lavoro è un patrimonio, ha tirato fuori una scatoletta di metallo, quelle usate per confezionare i biscotti, con dentro una pagina di cartone, 
chiusa a metà, contenente 4 o 5 piccoli pennelli unti.
In realtà, a guardarli bene, sembravano più dei mozziconi di pennelli, con un manico di 3, 4 cm e delle setole molto lunghe, che intingeva in qualche barattolo di colore.
Lo vedo prendere un po’ di vernice, metterne una noce su una lamina metallica e cominciare ad intingerci e a strofinarci sopra uno di questi pennelli;
una volta che il pennello è carico della giusta quantità di tinta, l’uomo prende un parafango e, con una mossa decisa, inizia ad elaborare il suo "filetto”,
arrivando a circa metà e senza aver pre disegnato nessuna linea, o segnato alcun riferimento.
L'ha fatto e basta, comprese le curve.
Uno spettacolo. Fatti i filetti neri, ha atteso 10 minuti che il tutto asciugasse e poi ha ricominciato con i filetti di porpora d'oro.
Io sono rimasto stupefatto. Oggi nel gergo smart-tech-figo si chiama pinstriping , ieri in fabbrica si chiamava filettare.

k6c9145k6c9146k6c9147k6c9148k6c9149k6c9150k6c9170k6c9172k6c9174k6c9178k6c9194k6c9196k6c9198k6c9200k6c9202k6c9224k6c9226k6c9228k6c9229
primi sui motori con e-max